Filastrocca di Andrea Zanzotto per il suo gatto Uttino

L’amato gatto Uttino è morto il giorno prima del suo amico, Andrea Zanzotto: certamente lo ha fatto per preparargli una bella accoglienza e continuare a fargli compagnia … Per lui il poeta aveva scritto questa filastrocca:

Vorrei che tu fossi più spesso con me
a veder com’è vario il teatrino
che col micio combino.

Egli ha tanti nomi perché
muta secondo quel che fa
ma Uttino soprattutto resterà.

Intanto si sente re del giardino
e gira a far la guardia con orari
alquanto misteriosi o immaginari…

Ma quando da fuori arriva un rumore
anche solo di un motorino
scappa fin dentro la cappa del camino.

Tante mattine fa l’equilibrista
ma non sempre riesce a spostarsi
sui tralci e cade fuori dalla pista.

Ma subito scatta su un altro appiglio
con volteggi speciali, e arriva a terra
con ricche acrobazie che vi sconsiglio.

Ciò capita d’inverno, quando lui si fa grosso,
di ciccia e di pelliccia
e, cantando, lo chiamo «Cioccio, Cioccio»!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *