Archivi tag: Renato Nicolini Annarosa Mattei

16 febbraio – SIENA – Biblioteca Comunale – ore 18

Comunicato stampa del comune di Siena

Per Lunedilibri Annarosa Mattei apre il suo “Archivio Segreto”

Appuntamento il 16 febbraio alle 18 alla Biblioteca Comunale. Una strana e magica passeggiata senza meta per le strade ed i monumenti di Roma al centro della storia della Mattei, in cui gli animali parlano, così come i muri dei palazzi. Due, tre mondi paralleli e intrecciati al nostro che l’uomo deve solo imparare a sentire

Nuovo appuntamento il 16 febbraio alle 18 alla Biblioteca Comunale con la rassegna, ad ingresso libero, “Lunedilibri”. L’autrice Annarosa Mattei (Anna per l’anagrafe ndr), abruzzese di nascita e romana di adozione, incontrerà il pubblico e presenterà il suo secondo romanzo L’archivio segreto (Oscar Mondadori), introdotta dal semiologo Omar Calabrese e da Renato Nicolini, docente di Composizione Architettonica all’università di Reggio Calabria e inventore, più di venti anni fa, di quella “estate romana” che ha cambiato per sempre il rapporto dei cittadini con le manifestazioni artistiche e culturali.
La protagonista del libro, una scrittrice, quasi un alter ego della Mattei, organizza un incontro conviviale tra amiche in un bell’appartamento di un quartiere residenziale di Roma e la serata diventa un pretesto per riflettere su arte e letteratura, ma, soprattutto, su sentimenti e vita.
Il mattino successivo il nostro personaggio, in parte ispirato dagli argomenti della sera, annulla i suoi impegni e inizia un giro per le strade ed i monumenti di Roma, attraversando vie, piazze e rioni storici della capitale, con “gli occhi di una donna disorientata in un misterioso palinsesto”, in bilico tra realtà e fantasia, riconoscibile anche dal diverso carattere della scrittura (corsivo per la parte ‘immaginata’).
Una strana e magica passeggiata senza una meta precisa, durante la quale incontra e parla con uomini e donne, entrando in contatto emotivo anche con monumenti e animali.
Come su un palcoscenico il racconto si sviluppa con il supporto di uno scenario naturale: l’urbanistica della capitale animata con comprimari veri.
Un itinerario affascinante e misterioso che entra nel cuore e nella memoria della Roma antica, ma anche nell’anima di ognuno di noi, fatta di presente e passato, speranza e nostalgia, emozioni e ricordi, alla ricerca del significato vero del vivere e dell’identità.
“La tua vita – scrive Annarosa Mattei – esiste solo se la racconti e te la devi immaginare se la vuoi raccontare per illuderti di coglierne un barlume di senso”.
Proviamo anche noi a fare questo esercizio di stile, parliamo con la scrittrice per farci guidare alla ricerca di quel qualcosa che abbiamo, ma che spesso non riconosciamo.

L’incontro sarà preceduto dalla lettura di alcune pagine del ibro da parte degli attori Massimiliano Alocco e Paola Benocci.