CLAUDIO STRINATI
e
IL MESTIERE DELL’ARTISTA

Sellerio 2009

Conversazione con l’autore

Martedì 21 luglio 2009, ore 18,30
Associazione Civita
Piazza Venezia, 11 – Roma

Federico Zuccari pensava che “il disegno, generato dalla capacità di osservazione e ricostruzione del mondo, fosse il fondamento generale di tutte le arti, addirittura di tutte le conoscenze delll’uomo.”
Ma quali sono in realtà i fondamenti dell’arte nel Cinquecento? quelli che segnano l’”enigma” di Leonardo da Vinci, la grandezza di Raffaello e il genio di Michelangelo? Qual è il ruolo dell’artista e chi ha il diritto di giudicare l’arte?

Il viaggio di Claudio Strinati nel mondo dell’arte, partito da Giotto, prosegue e giunge per ora nell’officina del duomo di Orvieto e dell’Oratorio del Gonfalone.

5 Comments

  • luccifranco@hotmail.com Posted 16 Luglio 2009 17:06

    Strinati aleggia come ineffabile principio di indeterminazione. Lo scopo è dare valore all’incertezza e prolungarla indefinitamente diventando LUI custode di una soluzione che forse non arriverà mai.
    (da una risposta di Franco Luccichenti a Pietro Di loreto intorno ad argomenti di strinatologia attributiva)

  • Barbara Mastroeni Posted 17 Luglio 2009 11:15

    …… mi scuso anticipatamente, ma pur avendo letto più volte il commento dell’esimio Lucci…… rimango assolutamente all’oscuro di quanto volesse significare. A parte ovviamente la polemica, nemmeno troppo velata

  • Annarosa Mattei Posted 20 Luglio 2009 17:00

    Franco Luccichenti, ti pregherei, non appena ne avessi la possibilità, di sciogliere l’oscurità del tuo pensiero e di svilupparlo in una logica sequenza di argomentazioni… Tra i lettori di questo sito (di solito non più di venticinque…) non tutti sono a conoscenza delle umoristiche sfide attributive tra collezionisti e storici dell’arte. I primi di solito sono seri e assertivi di fronte a un’opera appena acquistata: “Ma come, non vedi la mano del tale maestro? è chiara come la luce del sole…”; mentre i secondi dubitano e ironizzano: ” Ma non vedi che non ce la fa? Sei cieco dalla nascita…”. Almeno questo accade nella variante Luccichenti/Strinati. Nei casi in cui il collezionista e il conoscitore (così si chiama lo storico dell’arte quando esercita l’occhio oltre che l’intelletto) sono seri entrambi vuol dire che si è fatta una bella scoperta. Il che a volte accade anche se di rado. Questo sottile gioco di virtuosisimo estetico e intellettuale si fonda su un dato di fatto: i grandi artisti spessissimo non firmavano le loro opere. Anche Caravaggio, per esempio, non firmava quasi mai, come Sgarbi dovrebbe sapere quando afferma con la sua tipica e infondata certezza che il Narciso della Galleria Barberini non è suo ma del tal altro pittore. Peccato che la letteratura abbia pochi casi di attribuzione e assai meno interessanti… Il Fiore è di Dante, il Satyricon è di Petronio? Più divertenti invece le attribuzioni dei libri apparentemente firmati: quelli del tale poligrafo televisivo o del tale personaggio politico da chi sono stati scritti in realtà? ma qui si apre un altro capitolo, quello della pura vanità… atto di fede del religioso narcisismo imperante

  • barbara Posted 27 Ottobre 2009 16:53

    A che serve

    A che serve,
    guardare senza vedere
    sentire senza ascoltare.
    è come un viaggio
    su un autobus affollato:
    sei seduto, perso nel nulla,
    lo sguardo al finestrino
    grigio e appannato da
    migliaia di fiati, tutti uguali,
    e la strada è sempre la stessa
    Poi a un tratto, il cuore,
    la mente,
    tutto si apre
    e nuovi orizzonti si schiudono.
    Quel finestrino è pulito,
    nitido e chiaro;
    l’occhio coglie il già visto
    ma mai osservato:
    un anonimo tetto diventa
    l’ultimo scalino per il cielo.
    Il bianco dei tuoi denti,
    il rosa delle tue labbra,
    il sole che arde nel tuo sguardo,
    leniscono il dolore
    troppo a lungo subito.
    Bello è il tuo incedere,
    leggiadro il muovere il capo;
    tutto in te è equilibrio,
    istante inafferrabile della
    grandezza creativa di
    un dio generoso e ribelle.

  • admin Posted 8 Novembre 2009 21:19

    Cara Barbara, la poesia secondo tanti poeti è autenticità del sentire che diviene parola: sensazioni,percezioni sottili che vengono afferrate prima che scompaiano: la voce del bambino che scopre il mondo e si meraviglia di ogni cosa. Le parole ci appaiono inadeguate, usurate, per dire ciò che preme e urge per essere detto. Occorre solo lasciarle andare, coglierle mentre affiorano e poi limarle, ripulirle di ogni scoria, renderle nitide e lucenti: continua a raccoglierle con amore..

Add Comment

Rispondi a luccifranco@hotmail.com Annulla risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pin It on Pinterest