Archivio mensile:settembre 2012

Dove sono finiti i veri 'tecnici' della cultura?

Interessante analizzare l’attuale organigramma del Mibac: compare un solo storico dell’arte, Claudio Strinati, dirigente generale di staff, in carico alla segreteria generale e fino a pochi giorni fa del tutto invisibile sul sito www.beniculturali.it…

l’Unità 20.9.12
Gli strani «tecnici» del ministro Ornaghi
di Vittorio Emiliani

SE POSSEDESTE UN CASTELLO O UN QUADRO ANTICO, PER RESTAURARLO, INTERPELLERESTE UNO PSICOLOGO ESPERTO IN MARKETING O MAGARI UN POLITOLOGO? In entrambi i casi i vostri congiunti telefonerebbero allarmati al medico di fiducia e, nel caso insisteste, al 113. È invece proprio quello che accadrà al patrimonio storico-artistico-paesaggistico della Nazione (art. 9 della Costituzione) dopo le nomine effettuate dal ministro «competente» Lorenzo Ornaghi per il Consiglio Superiore: come «vice» esecutivo, un filosofo del diritto, Francesco De Sanctis (prima di lui, Salvatore Settis e Andrea Carandini), quali consiglieri, una docente di Scienze Politiche (Gloria Pirzio Ammassari), uno storico contemporaneo (Enrico Decleva, Rettore della Statale a Milano, dove Ornaghi lo è della Cattolica), il preside della facoltà di Psicologia, e dàgli, della Cattolica (Albino Claudio Bosio) e finalmente uno storico dell’arte, Antonio Paolucci, peraltro direttore dei Musei Vaticani e quindi dipendente di quello Stato. Col che il tasso di «pietas religiosa» (almeno quello) è alto e garantito.
Del resto, dal CdA del Teatro alla Scala il medesimo Ornaghi aveva lasciato fuori, fra vibrate proteste, un esperto di musica e di bilanci, Francesco Micheli, per infilarci il suo segretario. Viva la meritocrazia. Nel Devoto-Oli «tecnico» vuol dire «persona esperta e competente nella parte pratica e strumentale di un’arte, scienza o disciplina». Nella già desolata landa dei beni culturali, con l’arrivo dell’Ornaghi, di tennico (come dicono a Milano) non c’è più nemmeno l’ombra. Insomma, da rimpiangere Galan e Bondi. Un vero incubo.
Pochi giorni fa l’accetta della spending review è calata sui comitati tecnico-scientifici dei Ministeri e quindi su quelli del MiBAC: eliminati gli esperti, i detentori di saperi tecnici effettivi, incaricati di istruire, nell’interesse generale, pratiche complesse da esaminare poi in Consiglio Superiore. Decisione tanto meccanica quanto imbecille che ha tirato giù un altro pezzo del Ministero che Spadolini aveva pensato «diverso», composto da tecnici. Un organo che, pur consultivo, faceva da contrappeso alla burocrazia calcificatasi, specie negli ultimi anni, al Collegio Romano. Oltre tutto, organismo poco costoso. Non si sarebbe risparmiato di più eliminando la quanto mai discussa Direzione Generale per la Valorizzazione creata per Mario Resca traslocato all’Acqua Marcia antica e pia e cominciare così a ridurre le 9 (con la Segretaria generale) Direzioni generali centrali? Sì, ma Ornaghi vi ha nominato una laureata in pedagogia che di marketing deve saperne moltissimo, con l’alto stipendio, pensiamo, di Resca (più il costo della sua struttura). Non si sarebbe risparmiato di più riportando (per adesso) a ruoli di mero coordinamento le Direzioni generali regionali che hanno elevato a 26 il totale delle Direzioni generali di un Ministero che anni fa ne aveva soltanto 4?
Con la sparizione dei Comitati tecnici di settore, con un Consiglio Superiore composto di psicologi, politologi, storici contemporanei, ecc. e, diciamolo, con un ministro che non ne azzecca mezza, prevarrà la burocrazia centrale, spesso collocata lì per ragioni «politiche», estranee al merito, dove da anni non figura uno storico dell’arte. Una imbalsamazione burosaurica. Bondi è stato il demolitore del Ministero? Ornaghi ne sarà il necroforo. Così ci togliamo pure il pensiero dell’arte. Se ne occuperanno i privati. Come a Brera. «Disgraceful and disastrous», vergognoso e disastroso, ha commentato una famosa storica dell’arte inglese.
Chi può darle torto?

Leggete i libri di carta se non volete diventare insonni…

Evviva! Una buona notizia per i libri ‘veri’, quelli con le pagine che frusciano… Comunque non ce l’ho con i tablet che uso moltissimo. Ma amo troppo i libri ‘veri’ che sono un’altra cosa. Meditate, meditate….

———————————-
Contact: Rebekah Mullaney
Lighting Research Center
518.687.7118
mullar2@rpi.edu

Newsroom Home
Newsletters
Press Releases
Project Sheets
LRC Experts
About Us
Contact Us
Troy, N.Y. – 8/21/2012

Depending on How Much and How Long, Light from Self-Luminous Tablet Computers Can Affect Evening Melatonin, Delaying Sleep

New LRC research can aid in the development of “circadian-friendly” electronic devices

tablet demonstration photo; click for larger image

Study participants viewed the tablets without goggles, through orange-tinted goggles capable of filtering out radiation that can suppress melatonin, and through clear goggles fitted with blue LEDs to suppress melatonin.
A new study from the Lighting Research Center (LRC) at Rensselaer Polytechnic Institute shows that a two-hour exposure to electronic devices with self-luminous “backlit” displays causes melatonin suppression, which might lead to delayed bedtimes, especially in teens.

The research team, led by Mariana Figueiro, associate professor at Rensselaer and director of the LRC’s Light and Health Program, tested the effects of self-luminous tablets on melatonin suppression. In order to simulate typical usage of these devices, 13 individuals used self-luminous tablets to read, play games, and watch movies. Results of the study, titled “Light level and duration of exposure determine the impact of self-luminous tablets on melatonin suppression,” were recently published in the journal Applied Ergonomics.

“Our study shows that a two-hour exposure to light from self-luminous electronic displays can suppress melatonin by about 22%. Stimulating the human circadian system to this level may affect sleep in those using the devices prior to bedtime,” said Figueiro.

The actual melatonin suppression values after 60 minutes were very similar to those estimated using a predictive model of human circadian phototransduction for one-hour light exposures. “Based on these results, display manufacturers can use our model to determine how their products could affect circadian system regulation,” said Figueiro.

The results of this study, together with the LRC predictive model of human circadian phototransduction, could urge manufacturers to design more “circadian-friendly” electronic devices that could either increase or decrease circadian stimulation depending on the time of day—reducing circadian stimulation in the evening for a better night’s sleep, and increasing in the morning to encourage alertness. In the future, manufacturers might be able to use data and predictive models to design tablets for tailored daytime light exposures that minimize symptoms of seasonal affective disorder, and sleep disorders in seniors. Individuals would be able to receive light treatments while playing games or watching movies, making light therapy much more enjoyable than just sitting in front of a light box.

Along with Figueiro, co-authors of the study are LRC Director and Professor Mark S. Rea, LRC Research Specialist Brittany Wood, and LRC Research Nurse Barbara Plitnick.

Melatonin is a hormone produced by the pineal gland at night and under conditions of darkness in both diurnal and nocturnal species. It is a “timing messenger,” signaling nighttime information throughout the body. Exposure to light at night, especially short-wavelength light, can slow or even cease nocturnal melatonin production. Suppression of melatonin by light at night resulting in circadian disruption has been implicated in sleep disturbances, increased risk for diabetes and obesity, as well as increased risk for more serious diseases, such as breast cancer, if circadian disruption occurs for many consecutive years, such as in nightshift workers.

“Technology developments have led to bigger and brighter televisions, computer screens, and cell phones,” said Wood, who used the study as the basis for her master’s thesis. “To produce white light, these electronic devices must emit light at short wavelengths, which makes them potential sources for suppressing or delaying the onset of melatonin in the evening, reducing sleep duration and disrupting sleep. This is particularly worrisome in populations such as young adults and adolescents, who already tend to be night owls.”

In the study, the participants were divided into three groups. The first group viewed their tablets through a pair of clear goggles fitted with 470-nm (blue) light from light emitting diodes (LEDs). This was a “true positive” condition because the blue light is known to be a strong stimulus for suppressing melatonin. The second group viewed their tablets through orange-tinted glasses, capable of filtering out the short-wavelength radiation that can suppress melatonin; this was the “dark control” condition. The third group did not wear glasses or goggles. Each tablet was set to full brightness.

In order to accurately record personal light exposures during the experiment, each subject wore a Dimesimeter close to the eye. The Dimesimeter is a small calibrated light meter device developed by the LRC that continuously records circadian light and activity levels. Last year, international magazine The Scientist named the LRC’s Dimesimeter as one of the “Top 10 Innovations of 2011.”

The research team established that duration of exposure and the distance between the eye and the display, which determines the amount of light reaching the back of the eye, affects melatonin levels. Melatonin suppression after one hour exposure to the tablet was not significantly affected. However, after a two-hour exposure there was significant suppression.

The type of task being performed on the tablets also determines how much light is delivered to the cornea and, therefore, the impact on evening melatonin levels. As shown by the team’s Dimesimeter measurements, the range of photopic illuminance levels at the cornea from the tablets alone varied from 5 lux, which is not likely to affect melatonin, to over 50 lux, which would result in measurable melatonin suppression after a two-hour exposure. Therefore, before any generalizations can be made, it is important to measure how much light one is receiving from these self-luminous devices.

Until manufacturers develop more “circadian-friendly” electronic devices that increase or decrease light exposure based on time of day, Figueiro has several recommendations to reduce their effects on sleep. “We recommended dimming these devices at night as much as possible in order to minimize melatonin suppression, and limiting the amount of time spent using these devices prior to bedtime.”

The study was funded by Sharp Laboratories of America.
About the Lighting Research Center
The Lighting Research Center (LRC) is part of Rensselaer Polytechnic Institute of Troy, N.Y., and is the leading university-based research center devoted to lighting. The LRC offers the world’s premier graduate education in lighting, including one- and two-year master’s programs and a Ph.D. program. Since 1988 the LRC has built an international reputation as a reliable source for objective information about lighting technologies, applications, and products. The LRC also provides training programs for government agencies, utilities, contractors, lighting designers, and other lighting professionals. Visit www.lrc.rpi.edu.

About Rensselaer Polytechnic Institute
Rensselaer Polytechnic Institute, founded in 1824, is the nation’s oldest technological university. The university offers bachelor’s, master’s, and doctoral degrees in engineering, the sciences, information technology, architecture, management, and the humanities and social sciences. Institute programs serve undergraduates, graduate students, and working professionals around the world. Rensselaer faculty are known for pre-eminence in research conducted in a wide range of fields, with particular emphasis in biotechnology, nanotechnology, information technology, and the media arts and technology. The Institute is well known for its success in the transfer of technology from the laboratory to the marketplace so that new discoveries and inventions benefit human life, protect the environment, and strengthen economic development.

Globalizzazione, economia finanziaria, fine della politica: riflettiamo…

Forse moriremo tutti ben presto ma parlando di spread in un pessimo inglese…
Leggiamo questa bella intervista imparando qualcosa da un vecchio signore.

——————————————————————————

Massimo Di Forti per “Il Messaggero”
ZYGMUNT BAUMAN

«La ragione di questa crisi, che da almeno cinque anni coinvolge tutte le democrazie e le istituzioni e che non si capisce quando e come finirà, è il divorzio tra la politica e il potere».

Zygmunt Bauman riesce subito ad andare al dunque senza perdersi in giri di frase. Non a caso possiede il dono di quella che Charles Wright Mills chiamava l’immaginazione sociologica, la capacità di fissare in una frase, in un’idea, la realtà di un’intera epoca, e il grande studioso polacco lo ha fatto con la sua metafora della ‘’Vita liquida” e della ‘’Modernità liquida” (cosa è più imprendibile e sfuggente dell’acqua e dei suoi flussi?) per descrivere con geniale chiarezza la precarietà e l’instabilità della società contemporanea.

Lui, liquido, non lo è affatto anzi è un uomo di ferro, un ottantasettenne che gira il mondo senza sosta (viaggia almeno cento giorni all’anno tra conferenze e dibattiti!) e a Mantova è intervenuto a Festivaletteratura per un dibattito sull’educazione. Non c’è traccia di stanchezza nel suo fisico asciutto o nel volto scarno e autorevole ravvivato da occhiate scintillanti, mentre parla in una sala della Loggia del Grano pochi giorni dopo aver pubblicato un nuovo libro, Cose che abbiamo in comune (220 pagine, 15 euro) sempre per Laterza, editore dei celebri saggi come Vita liquida, La società sotto assedio, Modernità liquida, Dentro la globalizzazione e altri ancora.

Professor Bauman, è per questo che i politici sembrano girare a vuoto di fronte alla crisi?
«Sì. Il potere è la capacità di esercitare un comando. E la politica quella di prendere decisioni, di orientarle in un senso o nell’altro. Gli stati-nazione avevano il potere di decidere e una sovranità territoriale. Ma questo meccanismo è stato completamente travolto dalla globalizzazione. Perché la globalizzazione ha globalizzato il vero potere scavalcando la politica. I governi non hanno più un potere o un controllo dei loro paesi perché il potere è ben al di là dei territori. Sono attraversati dal potere globale della finanza, delle banche, dei media, della criminalità, della mafia, del terrorismo… Ogni singolo potere si fa beffe facilmente delle regole e del diritto locali. E anche dei governi. La speculazione e i mercati sono senza un controllo, mentre assistiamo alla crisi della Grecia o della Spagna o dell’Italia…».

E’ l’età della proprietà assenteista, come la chiamava Veblen, della finanza: era meglio prima?
«Il capitalismo di oggi è un grande parassita. Cerca ancora di appropriarsi della ricchezza di territori vergini, intervenendo con il suo potere finanziario dove è possibile accumulare i maggiori profitti. E’ la chiusura di un cerchio, di un potere autoreferenziale, quello delle banche e del grande capitale. Naturalmente questi interessi hanno sempre spinto, anche con le carte di credito, ad alimentare il consumismo e il debito: spendi subito, goditela e paga domani o dopo. La finanza ha creato un’economia immaginaria, virtuale, spostando capitali da un posto all’altro e guadagnando interessi. Il capitalismo produttivo era migliore perché funzionava sulla creazione di beni, mentre ora non si fanno affari producendo cose ma facendo lavorare il denaro. L’industria ha lasciato il posto alla speculazione, ai banchieri, all’immagine»

Non ci sono regole, dovremmo crearle. Avremmo bisogno forse di una nuova Bretton Woods…
«Il guaio è che oggi la politica internazionale non è globale mentre lo è quella della finanza. E quindi tutto è più difficile rispetto ad alcuni anni fa. Per questo i governi e le istituzioni non riescono a imporre politiche efficaci. Ma è chiaro che non riusciremo a risolvere i problemi globali se non con mezzi globali, restituendo alle istituzioni la possibilità di interpretare la volontà e gli interessi delle popolazioni. Però, questi mezzi non sono stati ancora creati».

A proposito della crisi europea, non crede che i paesi dell’Unione siano ancora divisi da interessi nazionalistici e da vecchi trucchi che impediscono una reale integrazione politica e culturale?
«E’ vero, ma è anche il risultato di un circolo vizioso che l’attuale condizione di incertezza favorisce. La mancanza di decisioni e l’impotenza dei governi attivano atteggiamenti nazionalistici di popolazioni che si sentivano meglio tutelate dal vecchio sistema. Viviamo in una condizione di vuoto, paragonabile all’idea di interregnum di cui parlava Gramsci: c’è un vecchio sistema che non funziona più ma non ne abbiamo ancora uno alternativo, che ne prenda il posto».

La globalizzazione ha prodotto anche aspetti positivi. Vent’anni fa, in Europa non c’era un africano, un asiatico un russo. Eravamo tutti bianchi, francesi, tedeschi, italiani, inglesi… Ora potremmo finalmente confrontarci: riusciremo a farlo su un terreno comune?
«E’ un compito difficile, molto difficile. L’obiettivo dev’essere quello di vivere insieme rispettando le differenze. Da una parte ci sono governi che cercano di frenare o bloccare l’immigrazione, dall’altra ce ne sono più tolleranti che cercano, però, di assimilare gli immigrati. In tutti e due i casi si tratta di atteggiamenti negativi.
Le diaspore di questi anni debbono essere accettate senza cancellare le tradizioni e le identità degli immigrati. Dobbiamo crescere insieme, in pace e con un comune beneficio, senza cancellare la diversità che rappresenta invece una grande ricchezza».